La cultura del possesso ha ucciso 120 volte: i femminicidi del 2018

di Cristina Martini

Non ci sono giustificazioni ai 120 femmicidi compiuti nel 2018 da parte di uomini maltrattanti che hanno ucciso donne con cui avevano una relazione molto stretta. La violenza di genere non sfocia improvvisamente in omicidio, ma è un percorso di abusi fisici, psicologici ed economici perpetrati tra le mura domestiche per un presunto diritto di possesso: questo emerge dal report della ricerca scientifica “Uomini che odiano le donne. Come l’agenzia di stampa Ansa rappresenta i casi di femmicidio secondo la nazionalità dei protagonisti”. Spesso le donne vittime avevano denunciato le violenze, alcune erano state in case rifugio, ma non è servito ad arginare i maltrattamenti o a metterle in salvo.

I casi di femmicidio si sono verificati soprattutto al Nord (47, il 39,1%), poi al Centro (32, il 26,6%), Sud (26, il 21,6%) e Isole (15, il 12,5%). Sono stati 6 i casi di femminicidio in Veneto: quattro a Vicenza (Leila Gakhirovan Kinser, Paola Bosa, Tanja Dugalic, Anna Filomena Barretta), uno a Verona (Fernanda Paoletti) e a Venezia (Maila Beccarello).

Le donne uccise nel 2018 sono in prevalenza italiane: 86 (il 71,6%); sono invece straniere nel 28,3% dei casi di femmicidio (34). Le nazionalità che si ritrovano tra le vittime: rumena (8), albanese (3), cinese (3), nigeriana (2), ucraina (2), marocchina (2), tedesca (2), ecuadorena (2), ungherese, pakistana, russa, bulgara, venezuelana, serba, peruviana, indiana, brasiliana, dominicana. In 23 casi su 34 (67,6%) vittime straniere di femminicidio, le donne sono state uccise dagli uomini stranieri con cui avevano un legame familiare e che le ritenevano un oggetto di proprietà, per la cultura del possesso.

Gli uomini colpevoli di femmicidio sono per la maggior parte italiani: 89 (nel 74,1% dei casi), 28 stranieri (23,3%) e 3 sono ancora non identificati (2,5%). Le nazionalità: rumeno (7), marocchino (4), dominicano (2), malese, tedesco, cinese, nigeriano, pakistano, americano, ecuadoregno, albanese, ucraino, camerunense, serbo, ghanese, messicano, indiano, brasiliano.

La provenienza delle vittime straniere e dei relativi offender sono in linea con i risultati pubblicati nel “Dossier Statistico Immigrazione 2018” dal Centro Studi e Ricerche IDOS, in partenariato con il Centro studi Confronti, in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) in cui la collettività più numerosa nel territorio italiano è quella romena (23,1%), seguita dai cittadini dell’Albania (8,6%), del Marocco (8,1%), della Cina (5,7%) e dell’Ucraina (4,6%).  

Le vittime hanno un’età soprattutto tra i 31 e i 60 anni (59 su 120, il 49,1%), seguite dalle over 60 (41) e dalle donne tra i 18 e i 30 anni (15); le vittime minorenni nel 2018 sono state cinque.

Le responsabilità di questi atti criminosi che sfociano in femminicidi dopo un percorso di violenze e soprusi perpetrati anche per anni sono da ascrivere a molteplici soggetti e fattori: l’errore più grande è quello di considerare la violenza di genere quale questione esclusivamente femminile. Occupandoci solo delle donne – seppur di fondamentale importanza – non verranno arginati i comportamenti violenti; urge ampliare la rete di protezione attorno alle sopravvissute ma far conoscere anche i percorsi per uomini maltrattanti che sono ormai sempre più diffusi nel territorio. Quando si parla di diritti umani, perché nei casi di violenza di questo si tratta, il problema deve riguardare tutti e tutte.

Quali operatori culturali, i media hanno grandi responsabilità nel racconto che costruiscono attorno ai femminicidi: dalle indicazioni della Federazione Internazionale dei Giornalisti e dal più recente Manifesto di Venezia arrivano suggerimenti utili per lavorare in modo rispettoso ed etico. Non mancano – e sono in aumento – gli esempi di buon giornalismo, ma rimane prevalente l’uso di giustificazioni attribuite al gesto dei colpevoli. Siano essi stranieri o italiani, pare esservi un tentativo di distogliere l’attenzione sul problema del possesso, attraverso l’utilizzo di pregiudizi quali la malattia mentale, il raptus, la perdita del lavoro, l’amore e la gelosia.

È corretto invece far emergere i segnali presenti sempre prima del tragico epilogo, perché il ciclo della violenza di genere è un percorso subdolo che si ripete. La costruzione di una rete forte di formazione, sensibilizzazione, azione al servizio di una cultura del rispetto è la strada da percorrere per far sentire meno sole le “sopravvissute” e per lavorare ad una cultura non violenta e di parità.

Sono molti percorsi attivabili a scuola o in altri ambienti e occasioni, per riflettere sulle rappresentazioni della stampa e della pubblicità e gli stereotipi veicolati nei casi di femminicidio e violenza sulle donne. Imparare a riconoscere i messaggi scorretti e leggere in modo critico i racconti mediali è fondamentale per iniziare a cambiare la nostra cultura. Se siete interessati/e potete scriverci a comunicazione@prosmedia.it.

È possibile trovare l’elenco completo delle vittime al link dell’Osservatorio sul femmicidio: https://prosmedia.org/osservatorio-sul-femmicidio/

Il report dati del 2017: https://prosmedia.org/2018/01/17/emergenza-problema-culturale-femmicidi-del-2017/

Il report dati del 2016: https://prosmedia.org/2017/01/02/i-femmicidi-del-2016-117-vittime-della-violenza-di-genere/

Il report dati del 2015: https://prosmedia.org/2016/01/11/106-vittime-della-cultura-del-possesso-i-femmicidi-del-2015/

Il report dati del 2014: https://prosmedia.org/2015/01/02/uccise-in-quanto-donne-femmicidi-2014/

Altri post su “femmicidi e violenza di genere”: https://prosmedia.org/category/femmicidi-e-violenza-di-genere/

Il materiale contenuto in questo post è liberamente riproducibile per uso personale, con l’unico obbligo di citare la fonte, non stravolgerne il significato e non utilizzarlo a scopo di lucro.

Quando le donne chiedono aiuto

spazio_donnadi Elena Guerra

Violenza di genere e femmicidi spesso sono raccontanti attraverso fatti di cronaca specifici e grandi numeri, nazionali o internazionali. Per raccontare il fenomeno da vicino abbiamo raccolto i dati di un singolo Comune italiano, per puntare la lente di ingrandimento su una città ricca del Nord-Est e per capire di cosa si tratta quando si parla di femminicidi e degli strumenti per il supporto alle donne. Lo scorso 18 novembre durante l’incontro “Prevenire e contrastare le molestie e la violenza nei luoghi di lavoroMariapia Mainardi di Spazio Donna di Bassano Del Grappa, in provincia di Vicenza, ha presentato i dati 2016 estrapolati dalla Scheda di rilevazione centri antiviolenza creata e curata da Questacittà, associazione di cittadini volontari per quanto riguarda l’andamento dello sportello Spazio Donna.

Durante il servizio di ascolto (telefonico, colloquio, e-mail, etc) prima del 2016 sono state avvicinate 186 donne. Solo nel 2016, con l’attivazione specifica del servizio per le donne vittime di genere, sono state 104, delle quali 69 sono stati nuovi contatto con la struttura. Le fasce di età hanno riguardato 16 ragazze tra i 18 e i 30 anni, 31 tra i 31 e i 40 anni, 34 tra i 41 e i 50, 14 tra i 51 e i 60, 8 tra i 61 e i 70 anni, una tra i 71 e gli 80 anni. Per quanto riguarda la nazionalità, la maggioranza sono donne italiane, 85, con alcune eccezioni: cinque marocchine, tre moldave e tre albanesi, due tunisine, e una ghanese, una rumena, una senegalese, una russa, una macedone e una serba. Di queste sono 54 sposate, 22 sono nubili, 18 sono conviventi, 14 separate, 4 vedove e una divorziata. Per quanto riguarda l’istruzione, 50 hanno una formazione che si ferma alla scuola media, 33 alle superiori, 14 alle elementari e sette sono laureate. Sono 58 le disoccupate e 46 occupate. Non sono seguite da nessun altro servizio 68 donne. Quindici invece hanno il supporto del consultorio familiare, 11 dal servizio sociale del Comune, cinque dal CSM, quattro da altro (neuropsichiatria, Caritas, disabilità, disturbi alimentari), una dal SERT.

La modalità di contatto riguarda un invito da parte di conoscenti, amici o famigliari nel 52 dei casi, 28 donne sono arrivate attraverso volantini, altri centri antiviolenza, casa rifugio, eventi pubblici e corsi organizzati, altre associazioni e cooperative, internet o il sindacato. Tredici grazie alle forze dell’ordine, dieci grazie ai servizi sociali, una attraverso il Pronto soccorso (nessuna attraverso la Rete 1522 o il medico di base). Per tutte è sempre stata una scelta personale.

La tipologia di violenza è 96 volte psicologica, 37 economica, 28 fisica, 13 si tratta di stalking, per tre si tratta di violenza sessuale e due hanno subito mobbing e molestie sessuali al lavoro. Sono 20 le donne che hanno sporto denuncia alle forze dell’ordine, mentre (tra i casi rilevati) sono 15 coloro che hanno avuto bisogno delle cure del pronto soccorso. La violenza in 104 casi è avvenuta ad opera di maschi, sei volte per mano di donne. La relazione con la vittima 59 volte è con il coniuge o partner convivente, 31 con un ex coniuge o convivente, 9 con un parente convivente, 6 con una persona non parente ma conosciuta e 5 con un parente non convivente.

Sono stati 520 i colloqui di sostegno psicologico, per 69 è stato erogato il primo colloquio di accoglienza, 73 hanno avuto orientamento e affiancamento a servizi pubblici o privati, 72 gli accompagnamenti nei gruppi di mutuo aiuto, 48 consulenza legale, 46 aiuto per l’accesso al gratuito patrocinio, in tutte le fasi del processo penale e civile, 38 orientamento al lavoro attraverso informazioni e contatti con i servizi sociali e con i centri per l’impiego per individuare un percorso di inclusione lavorativa verso l’autonomia economica , 15 mediazione culturale, 2 hanno avuto percorsi di sensibilizzazione e prevenzione della violenza per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Alcune donne che hanno chiesto aiuto sono state indirizzate ad altri servizi territoriali: 39 ai servizio sociale, 33 ai consultori familiari, 29 alle forze dell’ordine, 5 al Pronto soccorso e una al SERT. Cinque donne sono state accolte in case di secondo livello.

Per approfondire scrivere a spaziodonna@hotmail.it.

Profughi, media e violenza sulle donne

di Maurizio Corte

Sull’agenzia Ansa di venerdì 5 febbraio, alle 14.59, compare quello che sarà il tormentone mediatico dei prossimi mesi: l’illegalità e i rischi di devianza rappresentati dai profughi, bene amplificati dalle notizie sulle violenze carnali ai danni di donne. In questo caso, la notizia si riferisce a una ragazza di 22 anni violentata a Colonia (Germania); per la quale è stato fermato un profugo afghano.

È interessante, e sconcertante allo stesso tempo, notare come la violenza maschile su una donna – da parte di un marito o di un ex-fidanzato – sia presentata dai giornali come espressione di un “raptus”; o come l’esito di una “lite”, meglio se “furibonda”; oppure come la conseguenza di una serie di “dissapori”, incomprensioni e tensioni.

Se invece la violenza su una donna è frutto dell’azione di una persona “straniera”, allora la notizia assume una diversa ideologia: l’estraneo incarna il pericolo letale, la minaccia estrema, il male da debellare, l’attacco a quanto vi è più caro (la figura femminile, procreatrice e in quanto tale portatrice di speranza).

C’è poi da osservare il cambiamento semantico che possiamo osservare essere in corso sulla parola “profugo”, termine che pure dovrebbe essere collegato alla fuga dalla guerra, dal terrore e dalla miseria causata dai conflitti. L’accostamento con le violenze ai danni di donne, porta il termine “profugo” ad assumere via via una connotazione negativa: perde il primario significato di espressione dei mali, dei dolori e delle violenze provocate dalla guerra, per incarnare il significato secondo di minaccia incombente e ansiogena alla convivenza civile.

Possiamo evidenziare, nel caso della notizia dell’agenzia Ansa, il processo di “nominalizzazione” che qualifica la notizia sin dal titolo: “Colonia: violentata ragazza di 22 anni a Carnevale. Fermato profugo afgano. L’abuso dopo averla picchiata fino a svenimento”. Il violentatore viene qualificato non in quanto uomo, maschio; né in quanto giovane; né per altre caratteristiche personali. Il violentatore viene nominato sulla base del suo status di “profugo”.

Questa notizia, collegata ad altre notizie di violenze su donne (a Colonia, ma non solo) da parte di profughi, grazie al processo di nominalizzazione, contribuisce a rendere la parola “profugo” (e quindi il suo status) come l’espressione di una minaccia, di un pericolo. L’uso reiterato della parola “profugo” – che è frutto di una scelta da parte dei giornalisti, non di un dato oggettivo ed esclusivo – porta poi la pubblica opinione a pensare che i profughi possano, di per sé, costituire non solo un problema economico e sociale; ma anche una minaccia.

È indubbio che fra i profughi – non fosse altro che per un fatto statistico – vi possano essere criminali, violentatori, ladri e malfattori, come anche uomini e donne dai capelli rossi, dagli occhi verdi e del segno zodiacale dello scorpione (o del leone, o dell’acquario). Quello che è importante notare è che, nel caso dei profughi, gli uomini che usano violenza sulle donne sono presentati per il loro status giuridico e sociale appunto di “profughi”; anziché di maschi, di adulti (o di giovani) o come espressione di una certa ideologia (fascisti, nazisti, liberali, comunisti, liberisti).

Vi è poi da notare come sia notiziabile, specie nei media generalisti, la violenza di soggetti che appartengono a gruppi minoritari e svantaggiati (profughi, migranti, Rom). La violenza, pur peggiore e con danni ben maggiori, data dalla violazione dei diritti civili, dallo sfruttamento economico, dalla ingiustizia sociale, non viene tematizzata dai media. Anzi, non assume proprio le caratteristiche della notizia. Il sospetto è che la violenza dei profughi sia più funzionale agli interessi economici dei media, che – trincerandosi dietro i “valori notizia” – dimostrano così di essere asserviti al potere del più forte. Non certo all’interesse dei lettori.

Uccise in quanto donne: i femmicidi del 2014

Picture of 166 silhouettes representingdi Cristina Martini

Si parla ancora di “raptus” nelle uccisioni per femmicidio del 2014. Il binomio violenza-psicosi è una rappresentazione ricorrente nella stampa italiana e rassicura i lettori, perché sembra dare una giustificazione agli apparentemente inspiegabili 110 casi di omicidi di genere compiuti nell’anno appena trascorso. Ma non è corretta: la quasi totalità degli assassini hanno colpito con premeditazione e lucidità. Cruenti ed efferati ma agiti con capacità di intendere e volere, i delitti sono il tragico epilogo di una serie di violenze ripetute sulla donna che, spesso per paura, non vengono denunciate.

110 morti di donne in quanto donne: è questo il dato generale del 2014 della ricerca condotta da Cristina Martini, ricercatrice di ProsMedia dal titolo “Uomini che odiano le donne. Come l’agenzia di stampa Ansa rappresenta i casi di femmicidio secondo la nazionalità dei protagonisti”. Un numero in calo, rispetto ai 137 del 2013 e ai 125 del 2014, mentre a non migliorare sono le rappresentazioni della stampa: vengono mantenuti gli stessi stereotipi che vengono veicolati in cronaca nera, accompagnati sempre più da dettagli che sfociano nel gossip.

I femmicidi nel 2014 si riconfermano come un fenomeno trasversale, compiuto nell’ambiente familiare da colpevoli che hanno una relazione molto stretta con la vittima: 47 i mariti che hanno ucciso le loro mogli (42,5%), seguiti dai figli (6,3%), dai conviventi, ex compagni e padri (4,5% per ciascuna delle categorie). In un solo femmicidio, quello di Gilberta Palleschi, l’assassino non conosceva la vittima: Antonio Palleschi, già pregiudicato per violenza sessuale, l’ha scelta per caso.

La maggior parte degli omicidi di genere è avvenuta al Nord (41); a seguire il Centro con 37, 17 nelle Isole e 15 al Sud. In Veneto sono stati 5: due nelle provincie di Treviso e Verona e uno a Padova. Le vittime sono prevalentemente italiane – l’81% (89 donne) – e straniere nel 19% (21 donne). Tra queste ultime 12 sono rumene, 2 ucraine e 2 cinesi: dati in linea con la fotografia emersa dal “Dossier Statistico Immigrazione – Rapporto Unar 2014, Dalle discriminazioni ai diritti” dove oltre la metà (51,1%) degli stranieri in Italia proviene da soli cinque paesi (Romania, Ucraina, Albania, Marocco e Cina). I colpevoli sono per la maggior parte italiani 71% (78 uomini); 17 sono stranieri (5 rumeni e 4 albanesi) e 15 non sono ancora stati identificati. Un dato rilevante: dei 17 offender stranieri, il 70,5% ha ucciso la propria moglie o fidanzata straniera e il rimanente 29,5% ha ucciso donne italiane, ma pur sempre loro compagne, anche da tempo.

Le vittime sono donne di tutte le età: per la maggior parte dai 31 ai 60 anni (53 su 110, il 48,1%), seguite dalle over 60 (sono 28). Nella fascia dai 18 ai 30 anni sono 23 e le minorenni 6. In aumento il numero delle prostitute uccise: nel 2014 sono 6, 4 di queste uccise da clienti; in 2 casi non sono ancora stati identificati gli offender. I femmicidi sono stati compiuti per mano di conoscenti soprattutto con armi da taglio (43, il 39%), seguite dalle armi da fuoco (23). Nel 2014 si riscontrano 5 morti di donne spinte dal balcone di casa: per qualcuna di queste si voleva inscenare un suicidio.

Le vittime di femmicidio sono rappresentate sulla stampa come provocatrici nella loro bellezza, nelle loro azioni: donne colpevoli di avere innescato l’azione violenta con i loro comportamenti. Si parla di donne che portano uomini all’esasperazione e di uomini “padri modello” che uccidono anche le loro figlie per fare un torto alle compagne. Stereotipi diffusi e sbagliati, che intaccano il pensare comune e che ci abituano a pensare che si tratti di famiglie normali dove tutto funziona, quando invece la triste verità era nascosta dal muro del silenzio che circondava l’ambiente familiare. La cronaca nera ci racconta ancora di storie d’amore e di passione, spezzate dal raptus omicida, nonostante questo non esista. Ci racconta di litigi finiti male, quando erano violenze a senso unico, che le donne subivano ripetutamente bloccate dalla paura. Ci raccontano di stragi familiari e delitti improvvisati, quando gli uomini invece li programmavano da tempo, come il caso di Cristina Omen, uccisa con i suoi due figli a Motta Visconti: Carlo Lissi aveva premeditato tutto creandosi perfino un alibi. Ci parlano di dettagli inconsistenti, senza approfondire il vero motivo per cui l’uomo uccide la propria donna, cioè perché la ritiene un oggetto di proprietà; la cultura del possesso spesso prevede una mancanza di empatia nei confronti della moglie o della fidanzata, e questo implica il considerarla una “cosa” e non più una persona. Ci raccontano di femmicidi che non ci riguardano, quando gli offender sono stranieri, perché – secondo la stampa – è la loro essenza straniera ad averli armati.

La stampa è responsabile perché i lettori sono dipendenti cognitivamente per avere informazioni e dettagli di cui non hanno esperienza diretta. È responsabile perché veicola stereotipi e pregiudizi che portano poi a giustificare il colpevole o a ritenere corresponsabile anche la vittima. Iniziare a leggere con senso critico, anche alla luce dei dati oggettivi, è un buon inizio per un cambiamento culturale.

È possibile trovare l’elenco completo delle vittime al link dell’Osservatorio sul femmicidio: https://prosmedia.org/osservatorio-sul-femmicidio/.

Il materiale contenuto in questo post è liberamente riproducibile per uso personale,
con l’unico obbligo di citare la fonte, non stravolgerne il significato e non utilizzarlo a scopo di lucro. L’immagine del post è presa dal sito Studenti.it.

Le donne uccise per femmicidio nel 2014

manifestazione-violenza-donnedi Cristina Martini

Sono 96 le donne uccise per femmicidio fino al 31 ottobre, per mano di uomini che conoscevano bene. Mogli, mamme, fidanzate, assassinate da chi credeva di possederle. È questo il dato che emerge dal report parziale del 2014 della ricerca condotta da Cristina Martini, ricercatrice di ProsMedia dal titolo “Uomini che odiano le donne. Come l’agenzia di stampa Ansa rappresenta i casi di femmicidio secondo la nazionalità dei protagonisti”, che verrà presentato il 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza alle donne, in un incontro organizzato dalla Uil Veneto a Mestre, Venezia.

Dall’analisi dei dispacci dell’agenzia di stampa nazionale Ansa del 2014 si evince che vi sono stati 96 femminicidi in Italia, dal 1 gennaio al 31 ottobre 2014. Il tragico epilogo di una serie di soprusi e violenze perpetrati tra le mura domestiche è più presente nei paesi del Nord (38 casi) e a seguire il Centro (32); Sud e Isole vedono entrambi 13 casi. Tre sono i femmicidi avvenuti in Veneto, nelle province di Padova, Treviso e Verona. Non stupisce invece la trasversalità del fenomeno che colpisce donne di tutte le età, per la maggior parte nella fascia dai 31 ai 60 anni (44 su 96, il 46%). Per l’Organizzazione mondiale della sanità le donne fino ai 50 anni infatti muoiono più ad opera di persone dell’ambiente familiare che non per malattie o incidenti. Rispetto agli anni precedenti le vittime minorenni sono aumentate: fino al 31 ottobre 2014 sono 6.

Sono i mariti ad uccidere di più: 40 i casi (42%), ma anche figli, compagni, ex fidanzati e coinquilini. In 4 femmicidi sono i clienti a compiere l’atto criminoso, uccidendo 4 prostitute. Le armi sono nel 40% da taglio e quindi compatibili con la realtà domestica (coltelli): gli omicidi di genere avvengono spesso tra le mura di casa, dove la donna dovrebbe essere più sicura e trovare serenità.

Le donne italiane morte risultano essere 79 (l’82%) e le vittime straniere 17 (18%). Tra queste le nazionalità più ricorrenti sono rumena e ucraina, dati in linea con la fotografia emersa dal “Dossier Statistico Immigrazione – Rapporto Unar 2014, Dalle discriminazioni ai diritti” dove oltre la metà (51,1%) degli stranieri in Italia proviene da soli cinque paesi (Romania, Ucraina, Albania, Marocco e Cina). I colpevoli italiani sono il 71% (68 colpevoli), 16 sono stranieri (17%) e 12 non identificati (12%). Gli offender sono per la maggior parte rumeni e albanesi. Un dato molto interessante: dei 16 offender stranieri, il 68% hanno ucciso le loro fidanzate straniere e il rimanente 32% ha ucciso donne italiane, ma pur sempre loro compagne, anche di una vita.

Per il killer straniero le cause si cercano nella nazionalità: spesso il femmicidio è ricondotto a cause religiose e culturali, ponendo l’accento sulla diversità che li contraddistingue. Descritta a volte come “troppo permissiva”, la vittima straniera è succube del marito e delle tradizioni, una donna passiva uccisa dal colpevole perché “preoccupato della deriva occidentale della sua famiglia”. Se i protagonisti sono italiani, gli ambienti in cui avviene il delitto sono descritti come famiglie apparentemente normali, anche dalle parole dei vicini di casa e dei conoscenti, la cui serenità è interrotta dall’episodio violento.

Gli aggettivi che descrivono gli assassini e i verbi utilizzati negli omicidi differiscono molto in base alla nazionalità: il linguaggio è più crudo e colpevolizzante quando l’uomo assassino è straniero; più comprensivi e giustificanti quando a colpire è la mano di un killer italiano. Sono differenze meramente linguistiche, ma che allontanano sempre di più il “noi” dall’Altro, rinchiuso in una gabbia di stereotipi e pregiudizi, alimentati anche da chi viene intervistato dai giornalisti. L’attenzione di chi interviene sulla stampa, e quindi anche di chi legge, si sposta verso quella che viene vista e chiamata “emergenza stranieri” tralasciando così il vero problema: quello culturale e sociale che causa la violenza di genere.

Il materiale contenuto in questo post è liberamente riproducibile per uso personale,
con l’unico obbligo di citare la fonte, non stravolgerne il significato e non utilizzarlo a scopo di lucro.

Il linguaggio dei media nel tentato femmicidio di Laura Roveri

conferenzastampa_19.01.2014di Cristina Martini

Laura Roveri non è una vittima di un raptus. Laura Roveri è la sopravvissuta di un tentato femmicidio perpetrato dall’ex fidanzato, Enrico Sganzerla, lo scorso 12 aprile in una discoteca del vicentino. Ora l’uomo si trova ai domiciliari nella casa dei genitori, a 15 chilometri dall’abitazione di Laura, dopo soli due mesi di carcere e tre mesi di clinica.

Laura vuole rendere pubblico il proprio sgomento e indignazione per le misure adottate. Lo ha fatto mediante una conferenza stampa a Verona, sua città natale, con le persone che in questo momento la stanno supportando, come le donne e gli uomini dell’associazione Isolina e…, avvocate, insegnanti, giornaliste che si battono perché l’educazione di genere sia considerata materia di educazione scolastica. Emilia Greco, avvocata associata alla realtà scaligera, sta leggendo il caso con l’avvocato di Roveri perché giovedì 25 settembre ci sarà la lettura ufficiale da parte del gip della perizia su Sganzerla; gip che non ha ritenuto indispensabile sentire ancora Roveri fino ad oggi. La scelta di farlo tornare tra le mura domestiche è alla base delle proteste intorno alla ragazza di 25 anni di Nogara a cui la Prefetto di Verona ha assegnato la scorta.

Un vero e proprio cortocircuito giudiziario e per questo Laura Roveri sta facendo cerchio intorno a sé grazie al sostegno di persone come Serena Marchi, giornalista sensibile alla questione di genere, e a Cristina Martini, del gruppo di ricerca sui media ProsMedia, esperta di casi di femminicidio e femmicidio raccontati attraverso stereotipi e pregiudizi da parte dei mezzi di comunicazione. La vicenda ha tutte le caratteristiche di un tentato omicidio premeditato: l’uomo infatti ha percorso diversi chilometri tra Verona e Vicenza con un coltello per colpire l’ex fidanzata in un luogo pubblico e le ha inferto 16 coltellate al corpo e alla testa, di cui una ha lesionato la trachea sfiorando la carotide di 1 millimetro e 8. Per il gip questo non è stato un atto che l’ha messa in pericolo di vita.

Laura Roveri non è una vittima ma una sopravvissuta. Per Cristina Martini “Laura non è corresponsabile e colpevole di ciò che le è successo, perché non ha provocato l’azione violenta in alcun modo. Enrico Sganzerla invece è stato praticamente assolto prima a livello mediatico, attraverso le parole dei media che hanno anche relegato l’atto criminoso a raptus e poi dall’opinione pubblica che ha assorbito stereotipi e pregiudizi veicolati dalla stampa nella presentazione del caso”. Sottolinea poi l’importanza dell’uso corretto del linguaggio: “Non è stato un raptus, la follia di un attimo. Non va letto in termini di patologia, perché l’azione violenta si è svolta con lucidità e premeditazione. Né in termini passionali: tentare di togliere la vita è amore?”.

Dal 1 agosto 2014 in Italia è in vigore la Convenzione di Istanbul sulla violenza di genere che nasce con l’obiettivo di prevenire, proteggere le donne e perseguire gli autori di questi atti che dimostrano l’esistenza di un problema culturale profondo, sul quale bisogna agire attraverso dei progetti di formazione e informazione.

Rassegna stampa dei Tg nazionali e locali che hanno ripreso la conferenza stampa:

Tg1 (servizio dal minuto 27.15): http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-4ffa8e0c-f27a-4685-a7b5-0690d01a5a12.html#p

Tg3 Veneto (servizio dal minuto 1.00): http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-a9b2edba-d862-4b41-a7d8-72481655fe9e-tgr.html#p=0

Tg4 (servizi dal minuto 8.55): http://www.video.mediaset.it/video/tg4/full/483043/edizione-ore-19-00-del-19-settembre.html

Tg5 (servizio dal minuto 25.00): http://www.video.mediaset.it/video/tg5/full/483039/edizione-ore-20-00-del-19-settembre.html

Studio Aperto: http://www.video.mediaset.it/video/studioaperto/edizione_servizio/483020/laura-accoltellata-dall-ex-io-sotto-scorta-lui-gia-a-casa-.html

Tg Verona Telenuovo: http://www.tgverona.it/pages/121/391845/Laura_rabbia_e_indignazione.html

Tg TeleArena (servizio dal minuto 3.38): http://www.larena.it/videos/1984_tg_sera/77284/?pag=1

Gli stereotipi nell’informazione italiana

Amata da moriredi Cristina Martini

“L’ho amata da morire”, “L’ha uccisa per il caldo”, “Omicida in preda ad un raptus uccide la moglie”. Quanto le parole veicolate dai media possono modificare la percezione della violenza di genere nei lettori o telespettatori? Il femminicidio, il femmicidio, la violenza degli uomini nei confronti delle donne in quanto donne e i protagonisti dei casi di cronaca visti dai media sono gli argomenti trattati durante l’incontro “L’ho amata da moriremartedì 15 luglio alle 20.45 a San Bonifacio, Verona, nella sede del CoOffice in piazzale Mazzini con Cristina Martini ed Elena Guerra di Prosmedia.

L’appuntamento parte dalla ricerca di Cristina Martini, del gruppo di analisi dei media ProsMedia del Centro Studi Interculturali dell’Università degli studi di Verona, dal titolo “Uomini che odiano le donne. Come l’agenzia di stampa Ansa rappresenta i casi di femmicidio secondo la nazionalità dei protagonisti”, raccogliendo ed analizzando i dati relativi al 2012, 2013 e 2014.

La ricerca è stata sviluppata in tre fasi principali: la raccolta dei dati relativi ai 124 casi di femmicidio del 2012 e dei 136 casi del 2013, catalogando vittime, colpevoli e numero di dispacci di agenzia usciti per ciascun omicidio; la costruzione di un questionario semistrutturato e l’analisi di 4 casi emblematici (perché hanno avuto più eco nell’agenzia Ansa) per ciascun anno, appartenenti alle seguenti categorie: vittima italiana e colpevole italiano; vittima italiana e colpevole straniero; vittima straniera con colpevole italiano; vittima straniera con colpevole straniero; l’analisi del linguaggio utilizzato nei dispacci di agenzia Ansa usciti per gli 8 casi scelti, con l’ausilio del software Taltac2, che si occupa di analisi statistica lessicale e testuale. Per informazioni scrivere a comunicazione@prosmedia.it.

Parlare, agire, raccontare la violenza sulle donne

Oppeanodi Cristina Martini

La violenza sulle donne non ha più scuse: è necessario parlare, agire, raccontare. Con questo intento il gruppo civico Oppeano città viva ha organizzato per martedì 2 luglio alle 20.30 alla scuola elementare di Vallese, in via Spinetti, una serata sul tema della violenza di genere e sul femminicidio. Molti gli aspetti che verranno approfonditi, con il supporto di alcuni operatori del settore: Sara Gini, presidente di Telefono Rosa; Cristina Martini, ricercatrice del gruppo ProsMedia che si occupa di analisi dei media all’Università degli Studi di Verona; Marisa Mazzi, presidente dell’associazione Isolina e… contro il femminicidio; Gianpaolo Trevisi, direttore della scuola di polizia di Peschiera del Garda. Sarà ospite della serata anche Laura Roveri, sopravvissuta all’aggressione da parte del suo ex fidanzato il 12 aprile scorso a Vicenza, che racconterà la sua esperienza al pubblico presente.

A scuola contro la violenza di genere

no_violenza_donne-300x225di Cristina Martini

Il tema della violenza sulle donne entra a scuola. Il gruppo di analisi dei media ProsMedia organizza per venerdì 2 maggio, un incontro con gli studenti dell’istituto tecnico San Zeno di Verona, durante la loro assemblea.

A parlare dell’argomento saranno esperti e addetti ai lavori che lavorano da anni sul tema della violenza sulle donne: Cristina Martini, che si occupa di ricerca nel campo del giornalismo interculturale per ProsMedia e autrice della ricerca “Uomini che odiano le donne: come l’agenzia Ansa rappresenta i casi di femmicidio secondo la nazionalità dei protagonisti”; Marisa Mazzi, presidente dell’associazione Isolina e.. contro il femminicidio; Massimo Rimpici e Mario Gritti, che collaborano con l’associazione nazionale Maschile Plurale,e Francesca Martinelli, assistente sociale dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar, dove lavora a stretto contatto con le donne vittime di violenza.

Violenza di genere in Europa

violenza europadi Cristina Martini

42 mila donne intervistate in tutto in tutta Europa ed un risultato preoccupante: una ogni tre di loro ha subito violenza, quasi sempre non denunciata. Questo il dato principale della ricerca realizzata dall’Agenzia dell’Unione Europea per i diritti umani, il cui rapporto è stato diffuso in questi giorni. Violenze fisiche, sessuali e psicologiche che non sfociano per forza nella morte della vittima, ma che rappresentano una continua, spesso subdola, violazione dei diritti umani che inizia già dall’adolescenza.

L’agenzia indagante ha ascoltato 1500 donne di età compresa tra i 18 e i 74 anni in ognuno dei 28 paesi dell’Unione Europea, che hanno dipinto quanto la violenza sia diffusa: il 5% delle intervistate ha confidato di aver subito uno stupro; una donna su 10 di averlo subito prima di compiere 15 anni. Le denunce sono pochissime: la percentuale arriva al 14% e sono di più nel Nord Europa, dove solitamente la donne hanno una maggiore indipendenza: in Danimarca il 52% delle donne ha dichiarato di avere subito attacchi fisici o sessuali; in Finlandia il 47%, il 46% in Svezia e il 45% in Olanda. Le percentuali si dimezzano in Polonia (19%), Austria (20%), Croazia (21%) e Spagna (22%). La percentuale italiana è del 27%: le donne non denunciano e non ne parlano; hanno paura e pensano che la violenza sia una questione da risolvere tra le mura di casa. Quando si parla di abusi che non accadono in ambiente familiare, Joanna Goodey, a capo del gruppo di ricerca, spiega: “In Italia c’è un maggiore controllo sociale del fenomeno: le donne escono meno da sole perché temono di subire violenza, si autolimitano nella propria libertà perché sanno di correre dei rischi”. La paura non permette quindi di monitorare il fenomeno fino in fondo.

La punta dell’iceberg della violenza sulle donne è rappresentata dalla forma più estrema di violazione dei diritti umani, che implica la morte della vittima: i femmicidi, ovvero l’omicidio di genere. Allo studio di questi si è dedicata Cristina Martini, del gruppo di analisi dei media ProsMedia del Centro Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Verona, nella ricerca “Uomini che odiano le donne. Come l’agenzia di stampa Ansa rappresenta i casi di femmicidio secondo la nazionalità dei protagonisti”, in cui sono stati raccolti e analizzati i dati relativi al 2012 ed al 2013. I risultati della schedatura delle vittime confermano i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: la violenza domestica è la causa principale di morte nelle donne tra i 16 ed i 44 anni; le donne fino ai 50 anni muoiono più tra le mura di casa, ad opera di persone dell’ambiente familiare, che non per malattie o incidenti. Le donne uccise nel 2013 sono state 136, quasi una ogni tre giorni e quasi tutti gli omicidi sono stati commessi da uomini che le stesse conoscevano. Le indagini sul tema della violenza sulle donne sono importanti per parlare di un problema culturale e sociale molto diffuso, per darne il giusto risalto e per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica. L’obiettivo è supportare prima di tutto le vittime attraverso un sostegno psicologico, medico e legale; curare e riabilitare gli uomini maltrattanti, per evitare la recidività e fare formazione nelle scuole per educare fin dai primi anni ad una corretta cultura di genere che riduca la dimensione del fenomeno.