Quando le donne chiedono aiuto

spazio_donnadi Elena Guerra

Violenza di genere e femmicidi spesso sono raccontanti attraverso fatti di cronaca specifici e grandi numeri, nazionali o internazionali. Per raccontare il fenomeno da vicino abbiamo raccolto i dati di un singolo Comune italiano, per puntare la lente di ingrandimento su una città ricca del Nord-Est e per capire di cosa si tratta quando si parla di femminicidi e degli strumenti per il supporto alle donne. Lo scorso 18 novembre durante l’incontro “Prevenire e contrastare le molestie e la violenza nei luoghi di lavoroMariapia Mainardi di Spazio Donna di Bassano Del Grappa, in provincia di Vicenza, ha presentato i dati 2016 estrapolati dalla Scheda di rilevazione centri antiviolenza creata e curata da Questacittà, associazione di cittadini volontari per quanto riguarda l’andamento dello sportello Spazio Donna.

Durante il servizio di ascolto (telefonico, colloquio, e-mail, etc) prima del 2016 sono state avvicinate 186 donne. Solo nel 2016, con l’attivazione specifica del servizio per le donne vittime di genere, sono state 104, delle quali 69 sono stati nuovi contatto con la struttura. Le fasce di età hanno riguardato 16 ragazze tra i 18 e i 30 anni, 31 tra i 31 e i 40 anni, 34 tra i 41 e i 50, 14 tra i 51 e i 60, 8 tra i 61 e i 70 anni, una tra i 71 e gli 80 anni. Per quanto riguarda la nazionalità, la maggioranza sono donne italiane, 85, con alcune eccezioni: cinque marocchine, tre moldave e tre albanesi, due tunisine, e una ghanese, una rumena, una senegalese, una russa, una macedone e una serba. Di queste sono 54 sposate, 22 sono nubili, 18 sono conviventi, 14 separate, 4 vedove e una divorziata. Per quanto riguarda l’istruzione, 50 hanno una formazione che si ferma alla scuola media, 33 alle superiori, 14 alle elementari e sette sono laureate. Sono 58 le disoccupate e 46 occupate. Non sono seguite da nessun altro servizio 68 donne. Quindici invece hanno il supporto del consultorio familiare, 11 dal servizio sociale del Comune, cinque dal CSM, quattro da altro (neuropsichiatria, Caritas, disabilità, disturbi alimentari), una dal SERT.

La modalità di contatto riguarda un invito da parte di conoscenti, amici o famigliari nel 52 dei casi, 28 donne sono arrivate attraverso volantini, altri centri antiviolenza, casa rifugio, eventi pubblici e corsi organizzati, altre associazioni e cooperative, internet o il sindacato. Tredici grazie alle forze dell’ordine, dieci grazie ai servizi sociali, una attraverso il Pronto soccorso (nessuna attraverso la Rete 1522 o il medico di base). Per tutte è sempre stata una scelta personale.

La tipologia di violenza è 96 volte psicologica, 37 economica, 28 fisica, 13 si tratta di stalking, per tre si tratta di violenza sessuale e due hanno subito mobbing e molestie sessuali al lavoro. Sono 20 le donne che hanno sporto denuncia alle forze dell’ordine, mentre (tra i casi rilevati) sono 15 coloro che hanno avuto bisogno delle cure del pronto soccorso. La violenza in 104 casi è avvenuta ad opera di maschi, sei volte per mano di donne. La relazione con la vittima 59 volte è con il coniuge o partner convivente, 31 con un ex coniuge o convivente, 9 con un parente convivente, 6 con una persona non parente ma conosciuta e 5 con un parente non convivente.

Sono stati 520 i colloqui di sostegno psicologico, per 69 è stato erogato il primo colloquio di accoglienza, 73 hanno avuto orientamento e affiancamento a servizi pubblici o privati, 72 gli accompagnamenti nei gruppi di mutuo aiuto, 48 consulenza legale, 46 aiuto per l’accesso al gratuito patrocinio, in tutte le fasi del processo penale e civile, 38 orientamento al lavoro attraverso informazioni e contatti con i servizi sociali e con i centri per l’impiego per individuare un percorso di inclusione lavorativa verso l’autonomia economica , 15 mediazione culturale, 2 hanno avuto percorsi di sensibilizzazione e prevenzione della violenza per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Alcune donne che hanno chiesto aiuto sono state indirizzate ad altri servizi territoriali: 39 ai servizio sociale, 33 ai consultori familiari, 29 alle forze dell’ordine, 5 al Pronto soccorso e una al SERT. Cinque donne sono state accolte in case di secondo livello.

Per approfondire scrivere a spaziodonna@hotmail.it.

Stupratori, prima di tutto

di Erica Tessaro del gruppo Net Generation*

Lo stupro, in sé, non fa notizia, non fa scalpore. Eppure la cronaca dell’estate 2017 si è concentrata sullo stupro di Rimini della notte del 25 agosto. Questo perché si è finalmente iniziato a dare il giusto peso agli episodi di violenza contro le donne? Perché si percepisce l’urgenza di scuotere le coscienze e dare l’avvio ad una indignazione generale che modifichi l’immaginario dello stupro? NO. Ha fatto notizia solo perché commesso da immigrati. Mi correggo: certa stampa italiana ha permesso a questa notizia di diventare “La notizia”, non per ciò che è successo, ma per chi ha commesso la violenza.

L’impostazione data è chiara: se lo stupro è commesso da immigrati sono delle “bestie” da stanare, trovare, punire in maniera esemplare e cacciare dall’Italia; se è commesso (come nel 61% dei casi!) da italiani allora i toni cambiano e “la ragazza se l’è cercata”, ci si interroga sulla lunghezza della gonna che portava, oppure gli stupratori “sono bravi ragazzi”. La violenza quindi diventa atto da interpretare a piacimento: un reato gravissimo se commesso da nordafricani, una “bravata” se commesso dai soliti “bravi ragazzi”. Il fatto, ovvero uomini che violentano donne, perde importanza, l’importante è usare la violenza per indirizzare l’opinione pubblica. E non è un indirizzo apolitico concentrato sull’importanza di salvaguardare i corpi, di tutelarli dalle violenze, di dare un immaginario che condanni lo stupro tanto da renderlo unanimemente e universalmente condannabile; no, è un indirizzo politico meramente finalizzato alla condanna degli immigrati. I commenti più comuni agli stupri di Rimini sono sulla falsariga di “ecco, vengono qua e non rispettano niente e nessuno”.

Non è stato visto uno stupro, donne violate nella loro intimità, no, è stato visto l’immigrato che stupra. Ecco ancora che il corpo (femminile) non conta. Conta il malcontento da strumentalizzare, conta la gretta ignoranza della gente che punta il dito contro gli immigrati, contano i voti della malapolitica. Nessun commento reale, utile, veritiero, su ciò che è successo: uomini che violentano donne. Questo è successo. Ed è successo 2333 volte dall’inizio dell’anno.

2333 donne violentate da gennaio a luglio 2017 da 1534 italiani e 904 stranieri. 

E nessuno ha detto nulla.

117 vittime di femmicidio nel 2016. Il 71,8% (dei casi risolti) vede come omicida un italiano, non uno straniero.

E nessuno ha detto nulla.

Il gruppo informale NET GENERATION nasce dalla necessità di dare spazio a ragazzi e ragazze che vogliono, tessendo reti innovative, far sentire la propria voce, creare insieme iniziative ed eventi, dimostrare che il cambiamento è possibile. I suoi obiettivi rientrano nelle attività della campagna di promozione e diffusione del messaggio antirazzista in modi sempre nuovi ed originali. Collabora con Veronetta Centoventinove, un’associazione culturale che ha tra le sue finalità quella di favorire e promuovere l’incontro tra culture diverse e tra i cittadini.

La nazionalità prima del crimine

di Elena Guerra

I mass media italiani da una settimana parlano di crimini sessuali commessi in Italia dai cittadini stranieri, dopo i due stupri la notte del 25 agosto scorso ai danni di una turista polacca e una trans sudamericana sulla spiaggia di Miramare, a Rimini. Perchè questo interesse solo ora?

Secondo il dossier del Viminale nei primi sette mesi del 2017 risultano essere stati denunciati 2.333 casi di stupro, che nello stesso periodo del 2016 erano 2.345. Le persone denunciate o arrestate nel 2017 risultano essere 2.438. Tra queste, 1.534 sono italiane (nel 2016 erano 1474) e 904 straniere (909 l’anno scorso).  Quasi quattro denunciati su dieci (esattamente il 37 per cento) sono stranieri. Stranieri, non migranti. Il gruppo italiano di ricerca Demoskopica, in un rapporto relativo agli anni tra il 2010 e il 2014 e pubblicato a novembre 2016, rivela che denunce e arresti hanno interessato in maggioranza gli italiani (61% dei casi), seguiti da romeni (8,6%), marocchini (6%), albanesi (1,9%) e tunisini (1,3%). Anche le vittime sono principalmente donne di nazionalità italiana (68% dei casi), seguite da romene (9,3%) e marocchine (2,7%). La maggioranza invece degli arrivi nel 2017 nelle coste italiane parla invece di persone provenienti da Nigeria (16.317), Bangladesh (8.687), Guinea (8.631) e Costa d’Avorio (7.905).

Secondo l’Istat una donna su 5 in Italia è vittima di violenza sessuale. Il 21% delle donne, oltre 4,5 milioni, ha subito violenza nel corso della propria vita, un milione e 157 mila nelle sue forme più gravi, lo stupro (653mila) e tentato stupro (746mila). E ancora: il 20,2% delle donne tra i 16 e i 70 anni, 4,3 milioni, è stata vittima di violenza fisica, minacce, schiaffi, pugni, calci. Un crescendo che in una minoranza dei casi, l’1,5%, ha portato a danni seri e permanenti, per strangolamento, ustione, soffocamento. E il 40,4% delle donne, oltre 8,3 milioni di donne, è stata vittima di violenza psicologica.

In definitiva, è vero che gli stranieri compiono più stupri degli italiani? Il sito TPI news spiega come vengono conteggiati i reati. Se si considerano i crimini in generale – e non solo i casi di stupro – l‘unico modo che si ha per stimare la quantità di reati commessi è osservare i destinatari di denunce e le persone in carcere, come spiega l’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi) nella sezione fact-checking del suo sito internet. “Dai dati emerge che, a fronte di una presenza di stranieri in Italia equivalente all‘8,3 per cento della popolazione nel 2015, le denunce nei confronti degli stranieri (escludendo quelle a carico di ignoti) erano il 32 per cento del totale, mentre la popolazione carceraria era costituita per il 33 per cento da stranieri”, si legge sul sito.

In altri termini, su mille stranieri presenti sul territorio italiano circa 3,5 sono in carcere, mentre su mille italiani lo 0,6 è detenuto. Sembra dunque che uno straniero abbia una probabilità di essere arrestato di oltre cinque volte superiore rispetto a quella di un italiano. I dati nascondono tuttavia una situazione più complessa: “Mentre stranieri e italiani vengono incarcerati in misura simile per certi tipi di reati violenti, come per esempio le lesioni dolose (5,5 per cento dei reati per entrambe le nazionalità), gli stranieri vengono incarcerati in misura superiore per reati connessi alla produzione e spaccio di stupefacenti (45 per cento contro 36 per cento)”.

Inoltre, l’istituto puntualizza che all‘aumentare dei migranti non sembra aumentare il loro “livello di delinquenza”. Tra 2009 e 2015, a fronte di un aumento del 47% degli stranieri residenti la popolazione carceraria straniera è scesa dal 37% al 33% del totale.