Seminario in Mediazione interculturale e gestione dei conflitti nella società complessa

loc_masterIn occasione della consegna dei diplomi del master in Intercultural competence and management il CSI, Centro Studi Interculturali, del dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi di Verona, in collaborazione con l’associazione Poiesis, organizza sabato 3 marzo dalle 10 alle 13, in aula T.1 del Polo Zanotto il seminario di studi dal titolo “Mediazione interculturale e gestione dei conflitti nella società complessa“.

Interverranno Agostino Portera, direttore del CSI e del master nonché  ordinario di Pedagogia generale e interculturale, Mario Longo, docente di Storia della Filosofia all’Università di Verona, John C. Carey, professore emerito e direttore del Ronald H. Fredrickson Center for School Counseling Outcome Research and Evaluation (CSCORE) nel College of Education dell’University of Massachusetts, Amherst (USA), e Gregorio Monasta, medico e Research director dell’Unicef Mogadisho, Somalia e Addisababa, Ethiopia.

 

Annunci

Fake news: un involontario esperimento sociale

di Manuela Mazzariol

Si chiama Alessandro Proto e ha preso per i fondelli la stampa italiana per anni, spacciandosi di volta in volta per imprenditore, editore, aspirante politico, grande seduttore e uomo della finanza con conoscenze importanti, dalla famiglia Berlusconi a Donald Trump. A cercarlo su Google si trova un po’ di tutto, anche se oggi la maggior parte degli articoli sono dedicati a raccontare come questo discusso personaggio sia riuscito, grazie all’influenza che ancora oggi i media hanno sulla società, a inventarsi una vita e un’identità.

Della faccenda ha scritto, tra gli altri, il giornalista freelance Andrea Sceresini che ha pubblicato il libro “Io sono l’impostore – Storia dell’uomo che ci ha fregati tutti” (http://www.ilsaggiatore.com/argomenti/reportage/9788842823971/io-sono-limpostore/), edito dal Saggiatore e composto a 4 mani con lo stesso Proto che sembra aver deciso di gettare la maschera e raccontare chi è veramente.

Nato nella periferia milanese, a diciassette anni Alessandro Proto fugge nella provincia bergamasca per vendere enciclopedie porta a porta. Venti anni dopo si può leggere per la prima volta il suo nome sul Corriere della Sera, accanto a quello di due insospettabili clienti della sua agenzia immobiliare: George Clooney e David Beckham. Qualcosa di vero c’è: all’epoca Proto vive a Lugano, dove ha una piccola agenzia immobiliare; un giorno si presentano da lui degli avvocati incaricati di vendere la villa di George Clooney sul lago di Como. Egli comprende subito di non poter chiudere l’affare, ma decide comunque di sfruttare la cosa per farsi pubblicità. Dunque contatta il Corriere per far pubblicare la notizia e aggiunge anche, sua totale invenzione, di un interessamento all’affare da parte di David Beckham. Tutto viene pubblicato, senza che vi sia alcuna verifica.

Da lì in avanti è un crescendo continuo: da Milano a Lugano, da Parigi a Londra e a New York, Proto millanta affari con i grandi signori della finanza e scalate ad aziende dal fatturato milionario. Sostiene di poter risollevare le sorti della stampa nazionale, propone la sua candidatura alle primarie del Pdl e ispira la figura del protagonista di Cinquanta sfumature di grigio.

In realtà nulla di tutto ciò è vero.

Dal suo ufficio milanese rilascia interviste e comunicati raccontando le proprie imprese (http://www.linkiesta.it/it/article/2017/11/04/questuomo-ha-fregato-il-giornalismo-italiano/36068/). I giornali pubblicano, senza compiere ulteriori verifiche.

Un involontario esperimento sociale. Emblematico del grande potere che i media ancora hanno e possono avere. Un potere che permette non solo di influenzare l’opinione pubblica, ma addirittura di creare realtà inesistenti. Le bufale sul web imperversano, chiunque può aprire il proprio blog o condividere online notizie false o imprecise.

In questo marasma la figura del giornalista dovrebbe riconquistare centralità proprio per la capacità di lavorare con perizia, andando al di là delle logiche redazionali, della velocizzazione e sensazionalizzazione delle notizie e riportando i media alla loro funzione informativa, al servizio della collettività. Non può essere la volontà di fare spettacolo o di ottenere più click possibili, né il timore del “buco” giornalistico a guidare l’agenda di un giornale. Il rispetto delle norme deontologiche della professione, che impongono un rigoroso controllo delle fonti prima della pubblicazione, non è infatti una pedanteria da primi della classe. I ritmi di lavoro imposti dall’informazione digitale non sono una giustificazione alla mancata verifica e non esimono dalle responsabilità personali anche a livello civile e penale. Oltre a ciò, dovrebbe aggiungersi il peso derivante dalla consapevolezza dalla capacità che i mezzi di comunicazione hanno di influenzare e plasmare l’opinione pubblica.

Vittima delle parole

di Cristina Martini

Può una bambina di 9 anni decidere di vendere il suo corpo? Questo l’interrogativo che nasce dopo la pubblicazione da parte dell’agenzia Ansa di una notizia riguardante l’arresto, a Palermo, di una coppia di genitori per violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione minorile ai danni della figlia. Sul sito dell’agenzia di stampa il racconto viene titolato “Prostituta a 9 anni, arrestati i genitori”, come documenta la foto che qui riportiamo.

Le parole sono importanti. Questa titolazione trasforma una vittima di violenza in colpevole; perpetua il messaggio di corresponsabilità che, in modo consapevole oppure no, spesso viene veicolato quando la violenza di genere viene raccontata. Per questo, il 16 maggio 2016, è stato approvato dall’Ordine dei Giornalisti un documento che vieta la definizione “Baby squillo”, in quanto rappresenta una violazione della Carta di Treviso. Ciò vale quindi anche per il termine “Prostituta”, attribuito alla bambina di 9 anni protagonista del fatto di cronaca.

La motivazione della presa di posizione emerge in una nota: “Le bambine sono le vittime e gli uomini che abusano di loro, i pedofili, sono i colpevoli. Per un reato così grave non ci sono attenuanti. Usare i termini corretti è alla base del nostro lavoro. Scambiare le vittime con i colpevoli dà luogo ad un’informazione falsa e fuorviante”.

La Carta di Treviso è un protocollo firmato nel 1990 dall’Ordine dei giornalisti, Federazione della stampa italiana e Telefono azzurro per disciplinare i rapporti tra informazione e infanzia. Si pone l’obiettivo di salvaguardare il diritto di cronaca e di riconoscere la responsabilità che i mezzi di informazione hanno nella costruzione di una società che rispetti l’immagine di bambini/e e adolescenti. Si propone di difendere l’identità, la personalità e i diritti dei e delle minorenni vittime o colpevoli di reati o coinvolti in situazioni che potrebbero comprometterne lo sviluppo psichico.

Dopo numerose segnalazioni, l’Ansa ha provveduto alla modifica del titolo: “La fa prostituire a 9 anni, arrestati i genitori”.

Da oggi nasce la rubrica di ProsMedia #dettaglinonrichiesti: potrete contribuire anche voi, come lettori e lettrici attenti/e a segnalarci stereotipi e parole scorrette utilizzati nell’informazione italiana: https://prosmedia.org/stereotipi-nei-media/

Pulsante rosso contro le notizie false

di Elena Guerra

Il post virale su Facebook pubblicato da un utente sulla storia inventata di un ragazzo nero senza biglietto su un Frecciarossa ci dice che dopo circa dieci ore con la rimozione del contenuto perché ritenuto falso, sono stati prodotti 100mila like e più di 70mila condivisioni, con commenti razzisti, pieni di pregiudizi su immigrati e persone di chiara origine straniera. Sempre più sono necessari strumenti di controllo sulle notizie false, diffuse in modo massiccio grazie ai social e i mass media.

A tal proposito a metà gennaio 2018 il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni ha istituito il primo Protocollo operativo per il contrasto alla diffusione delle fake news attraverso il web. Sul sito http://www.commissariatodips.it è stato creato e messo a disposizione dei cittadini uno speciale Red Button per la segnalazione delle cosiddette bufale online. Si tratta di un servizio dedicato di segnalazione istantanea, grazie al quale l’utente potrà segnalare l’esistenza in rete di notizie false. Il sistema prevede anche la possibilità di arricchire la segnalazione attraverso l’indicazione precisa delle URL, la compilazione di campi in cui poter indicare le piattaforme social dove la fake news viene diffusa e la compilazione di un campo ad inserimento libero per fornire le informazioni ritenute utili.

Ricevuta la notizia, la Polizia Postale verificherà, per quanto possibile, l’informazione, con l’intento di indirizzare la successiva attività alle sole notizie manifestamente infondate e tendenziose, ovvero apertamente diffamatorie. La notizia, in particolare, verrà presa in carico da un team dedicato di esperti che effettuerà approfondite analisi, attraverso l’impiego di tecniche e software specifici, al fine di individuare la presenza di significativi indicatori che permettano di qualificare, con la massima certezza consentita, la notizia come fake news (presenza di smentite ufficiali, falsità del contenuto già comprovata da fonti obiettive; provenienza della presunta bufala da fonti non accreditate o certificate).

Il team di lavoro curerà inoltre un’autonoma attività di raccolta informativa al fine di individuare precocemente la diffusione in rete di notizie marcatamente caratterizzate da infondatezza e tendenziosità, apertamente diffamatorie, dando risalto alle smentite ufficiali, supporto alle richieste di rimozione, sulla scorta degli elementi evidenziati nei report di analisi. Qualora sia risultato possibile individuare con esattezza una fake news verrà pubblicata una puntuale smentita sul sito del Commissariato di ps on line e sui canali social istituzionali.

Nel frattempo, per verificare online e velocemente quali possono essere effettivamente le notizie false che girano nei social network, consigliamo il supporto di alcuni siti sensibili a questo tema: Bufale.net, Butac.it, Giornalettismo.com e Bufalepertuttiigusti.

Da spettatori ad attori del web: oltre il cyberbullismo

Foto da bullismoonline.it

di Cristina Martini

Non è “colpa del web” ma di come le nuove tecnologie vengono utilizzate e con quale linguaggio. In occasione del 7 febbraio, Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, è stato pubblicato il report “Spett-ATTORI del web” di DoxaKids per l’associazione Telefono Azzurro. Un’indagine che approfondisce tematiche quali la sessualità online, la ricerca delle informazioni e la violenza in rete, con un occhio attento sul fenomeno del cyberbullismo,  che colpisce i/le più giovani.

Due dati di interesse emergono dalla ricerca: il 31% dei bambini e bambine coinvolti ha indicato la possibilità  di subire cyberbullismo ed un bambino su sette quella di “leggere contenuti offensivi e di incitamento all’odio”. Numeri che si ripetono anche sui soggetti anagraficamente più grandi, ma che parlano di una preoccupante “anestetizzazione” riguardo i linguaggi volgari spesso utilizzati negli ambienti digitali, considerati perlopiù normali. Hate speech e cyberbullismo iniziano anche a riempire le prime pagine dei giornali, segnale di un problema sociale e culturale che ha bisogno di essere affrontato.

Le preoccupazioni che si raccolgono in ambiente scolastico sono soprattutto degli adulti: mentre per il fenomeno del bullismo – che per la maggior parte si verifica tra le mura delle scuole – sembrano essere preparati almeno in parte, il cyberbullismo rimane un’incognita. In An investigation into cyberbulling, its forms, awareness and impact, and the relationship between age and gender in cyberbullying, Smith e altri, tracciano il fenomeno come “aggressione intenzionalmente svolta da uno o più individui, utilizzando forme elettroniche di contatto, e ripetutamente mirata verso una persona che non può difendersi”.

La definizione mette in evidenza cinque aspetti fondamentali: il comportamento aggressivo messo in atto con volontà, l’attore singolo o multiplo, le nuove tecnologie, la dimensione della vittima e la reiterazione della condotta. Il cyberbullismo non ha luogo fisico perché vive nel virtuale, viaggia attraverso la rete Internet e la telefonia (spesso quando se ne parla vengono dimenticati gli sms e le chiamate telefoniche) ed ha un impatto molto più elevato rispetto a quello del bullismo, complice l’ampia diffusione garantita dal digitale e dalla viralità, raggiungendo anche utenti estranei alla vittima e al colpevole. Nel cyberbullismo compare un elemento però che è difficile da gestire: il cosiddetto “disimpegno morale”, ossia la percezione – apparente – di anonimato con cui si agisce attraverso la mediazione della tecnologia.

Il rispetto dell’altro e la prevenzione di questi fenomeni passa anche dalla consapevolezza, dall’uso corretto dei canali e dei linguaggi, dall’empatia. Dalla capacità quindi di mettersi nei panni dell’altro, che deve andare di pari passo con l’informazione sui rischi che comportano le azioni scorrette anche se svolte nel mondo virtuale. I percorsi scolastici svolti con esperti ed esperte sono utili per coinvolgere studenti e studentesse in un processo di apprendimento che aiuti le vittime e i/le cyberbulli/e – trasversalmente per genere – ad andare oltre i comportamenti violenti.

Il naufragio fantasma

L’8 febbraio a L’altro Teatro di Cadelbosco di Sopra, Reggio Emilia, andrà in scena La nave fantasma di e con Bebo Storti e Renato Sarti. Bebo Storti e Renato Sarti, in una sorta di cabaret tragico, estremo e scioccante, coinvolgono gli spettatori nella rievocazione di una dolorosa vicenda accaduta il 25 dicembre 1996 al largo delle coste siciliane, quando affondò un piccolo battello carico di migranti provenienti dall’India, dal Pakistan e dallo Sri Lanka. Le vittime furono 283: si trattava della più grande tragedia navale avvenuta nel Mediterraneo dalla fine della seconda guerra mondiale. Un record che è stato tragicamente superato in questi ultimi anni. Uno spettacolo a capitoli che non lascia nulla al caso e apre una riflessione su uno degli argomenti più scottanti dei giorni nostri. Con Storti e Sarti si ride persino di fronte ai fatti più crudi grazie all’impagabile capacità di dire cose feroci con un’ironia dissacrante dove il riso suona più sinistro di un grido.

Nonostante le precise testimonianze dei superstiti, autorità italiane e mass media, eccetto rare eccezioni, non se ne occuparono: la tragedia del Natale 1996 divenne il naufragio fantasma. Gli stessi pescatori della zona, che recuperarono decine di cadaveri nelle reti, temendo conseguenze per la loro attività li ributtarono in mare. Solo cinque anni dopo, con un reportage reso possibile dalla testimonianza del pescatore di Portopalo Salvatore Lupo, il quotidiano La Repubblica, attraverso un’inchiesta del giornalista Giovanni Maria Bellu, riuscì a individuare e filmare il relitto. Nel giugno del 2001 le immagini della “nave fantasma” fecero il giro del mondo ma, nonostante l’appello di quattro premi Nobel italiani (Renato Dulbecco, Dario Fo, Rita Levi Montalcini, Carlo Rubbia) e alcune interpellanze parlamentari, ancora nulla è stato fatto per recuperare il relitto e riconsegnare questo episodio alla Storia senza menzogne ed omertà.

La nave fantasma è una sintesi drammatica della vasta tematica, diventata sempre più urgente, connessa al tema dell’immigrazione: la disperazione dei migranti, il silenzio delle autorità e dei mass media, la ferocia dei trafficanti di esseri umani, la terribile indifferenza e l’invincibile paura della nostra società, le reazioni di carattere xenofobo e razzista. Benché basato su una rigorosa cronaca degli eventi – tradotta sulla scena attraverso i racconti dei protagonisti, con l’ausilio di materiale video e la proiezioni di disegni realizzati appositamente da Emanuele Luzzati – l’intento di Renato Sarti che ha curato la regia è quello di fare ricorso a tutti gli elementi tipici del teatro comico e del cabaret, quali l’improvvisazione e il rapporto

PREVENDITE
biglietti online
• nelle serate di spettacolo presso L’Altro Teatro
• presso Arci RE – viale Ramazzini 72, Reggio Emilia (h 10-13 e 15.30-17)
• Bistrò 90 Ristorante – Cadelbosco di Sopra
• Centro Ottico Cadelbosco – piazza XXV aprile

INFO
info@laltroteatro.com | http://www.laltroteatro.com

Hate speech: dai muri invisibili dei like e all’eco che rinforza i pregiudizi

foto da festivaldirittiumani.it

di Barbara Minafra

Il codice di condotta europeo per combattere l’incitamento all’odio illegale online, sottoscritto nel 2016 da Facebook, Twitter, Youtube e Microsoft, sta dando i primi frutti: quasi due terzi dei messaggi violenti segnalati in Europa (Italia al 67%) vengono rimossi nel giro di 24 ore. Instagram e Google+ hanno annunciato che a breve aderiranno a queste norme che, integrando la legislazione contro il razzismo e la xenofobia, prevedono il perseguimento degli autori dei reati di incitamento all’odio, sia online che offline. I dati della Commissione europea confermano che, in media, in un caso su cinque c’è stata la segnalazione dell’autore alle autorità di polizia.

Ma il cuore del problema non risiede nelle misure di contenimento dell’hate speech, ma nelle cause che lo generano e diffondono. E nei suoi algoritmi. Lo spiega Cass R. Sunstein, docente alla Scuola di Legge di Harvard che, studiando il legame tra democrazia e internet, “traduce” i meccanismi con cui funziona la rete e il loro impatto sociale.

Quando Facebook predispone newsfeed su misura che adattano il contenuto delle nostre ricerche ai nostri gusti e vincola i nostri contatti a gruppi di persone simili, che hanno gli stessi interessi e a cui piacciono le stesse cose, finiamo dentro gabbie virtuali. Queste sintonie creano quelle che Sunstein chiama “echo chamber”, camere di eco che amplificano le opinioni personali.

In altre parole, chi parla in rete si rivolge a gruppi di persone che la pensano allo stesso modo e i margini di confronto si riducono sempre più al punto che ci si disabitua al dialogo, al compromesso, si diventa incapaci di comprendere la differenza, di rapportarsi con essa e si finisce per estremizzare il proprio punto di vista, per negare chi pensa o è diverso da noi.

Sunstein descrive il mondo online fatto di “bozzoli di informazione”, come un sistema che sfrutta “pregiudizi di conferma” e ha “imprenditori di polarizzazione” che sanno come manipolare i vari trend di pensiero.

Tutti strumenti che minano i fondamenti della democrazia. Ma anche, ad un livello più individuale, condizioni che riducono progressivamente la capacità di dialogare, di confrontarsi con gli altri. La sua ricetta per salvarsi è il caso: esporsi a persone, a luoghi, cose e idee che non avremmo mai scelto per il nostro feed di Twitter o Facebook. Invita a uscire dalla campana di vetro che creiamo nel web, dove ci lasciamo sedurre da chi la pensa come noi e dove finiamo per isolarci attraverso i nostri like che tracciano ponti invisibili con chi è simile a noi e muri altrettanto invisibili (ma ancor più pericolosi) che ci separano sempre di più da chi è diverso da noi.

Insomma, se i feed sempre più stringenti di Facebook e Twitter organizzano le persone in gruppi omogenei, il rimedio è ostacolare i selettori automatici di notizie e di contatti, per interfacciarsi con piattaforme differenti in modo da renderle interpretabili: una volta iniziato l’interscambio di contenuto, si infrange l’isolazionismo imposto dalla bolla (filter bubble) del “ciò che conta per me”.

In caso contrario viene meno l’arte del trattare, anche del sano combattere per affermare la propria opinione, che passa dal contrattare con l’avversario e non dal denigrarlo fino all’eradicarlo. Perché, se è più facile sentirsi spalleggiati da chi la pensa allo stesso modo e non mettere in discussioni se stessi e le proprie convinzioni, isolarsi da chi la pensa diversamente produce una polarizzazione di opinioni da un lato (legata alla self reputation) e, dall’altro, una “auto-selezione” in cui le persone, come dice Sustein, “entrano nelle camere di eco o nei bozzoli di informazioni”.

Da questa compartimentazione di pensieri e di persone affini, ai discorsi di odio il passo è breve. Altrettanto facile è poi quella che la psicologia descrive come group polarization – la polarizzazione dei gruppi – ossia il meccanismo per cui le posizioni più estreme possono diventare più radicali tra persone che si scambiano opinioni simili.

Queste dinamiche cognitive (e relazionali) non sono legate solo a Internet: nella vita di tutti i giorni tendiamo a relazionarci con gli amici per avere “comfort zone” sociali. Ma esporci a sensibilità differenti ci fa entrare nelle “learning zone”, gli spazi di apprendimento in cui gli stimoli esterni (che comportano anche disagio iniziale, instabilità, vulnerabilità), sviluppano le nostre capacità di reazione e adattamento. Questo porta ad alzare le asticelle individuali e la nostra prestazione sociale, più elastica, diventa innanzitutto uno spazio personale di crescita. Se questo processo non si mette in moto, tutto quel che sta fuori da casa nostra finirà per scatenare reazioni di difesa. Come l’hate speech, che in fondo è una rovinosa ed estrema forma di autodifesa.