Mediazione interculturale, il Master in e-learning dell’Università di Verona

consegna-diplomi-gruppo-2013Mediazione interculturale, gestione dei conflitti, comunicazione interculturale, immigrazione, globalizzazione, internazionalizzazione delle imprese, mediazione in ambito sociale, sanitario e giuridici. Sono questi alcuni dei grandi temi affrontati dal Master di primo livello in “Intercultural Competence and Management”, diretto dal professor Agostino Portera,  e organizzato dal Centro Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Verona.

Il Master è con formazione a distanza (e-learning) e seminari/lezioni in presenza. E’ organizzato in modo da favorire la partecipazione anche di chi già lavora. Il Master prepara professionisti in grado di cogliere i rischi e le opportunità in un contesto pluralistico e multiculturale. Insegna a saper individuare, mediare e gestire conflitti e potenzialità di crescita e di arricchimento.

Il Master in “Intercultural Competence and Management” (Comunicazione, Gestione dei conflitti e Mediazione interculturale in ambito aziendale, educativo, sociosanitario, giuridico, dei mass media e per l’italiano L2) è la risposta ai problemi e alle opportunità poste da una società complessa.

Alla luce della Pedagogia interculturale e con l’acquisizione di competenze nel settore della mediazione interculturale, del coaching e della gestione efficace dei conflitti, il Master consente di migliorare le capacità di comprensione, di relazione e di problem solving nei settori educativo, scolastico, sociale, giuridico e aziendale, e dei mass media (giornalismo, media relations, social media e webmarketing). E’ poi prevista una specializzazione nell’insegnamento dell’italiano come L2, in una prospettiva interculturale.

Per meglio preparare alla gestione dei conflitti, alla mediazione interculturale e alla professionalità nell’ambito dell’immigrazione (ambiti sociale, sanitario, giuridico) e della internazionalizzazione delle imprese, il Master in “Intercultural Competence and Management” si articola in tre Macro-aree (moduli universitari) comuni e in una Macro-area (modulo universitario) specialistica a scelta degli/delle iscritti/e al corso. Per maggiori informazioni: www.csiunivr.org e centro.interculturale@ateneo.univr.it.

Annunci

Un master universitario in mediazione interculturale

consegna-diplomi-gruppo-2013Un master universitario, con formazione a distanza, per imparare a fare mediazione interculturale e gestione dei conflitti. Un master per la gestione dei conflitti e per rispondere alle sfide della società multiculturale. Un master, infine, per insegnare anche l’italiano come seconda lingua (Italiano L2) agli immigrati; e per lavorare nel mondo della sanità e del sociale.

L’Università degli Studi di Verona, con il Centro Studi Interculturali diretto dal professor Agostino Portera, propone anche quest’anno il master in Intercultural Competence and Management, nella formula delle lezioni in e-learning e dei seminari in presenza. Un corso universitario – iniziatosi nel 2003 – che comprende la comunicazione interculturale, la gestione dei conflitti e la mediazione interculturale in ambito aziendale, educativo, sanitario, sociale, giuridico, dei mass media e per l’insegnamento dell’italiano L2.

“C’è un aspetto di questo nostro master che è di grande utilità per le allieve e gli allievi che operano in un contesto multiculturale qual è il nostro”, spiega il professor Portera, ordinario di Pedagogia generale e di Pedagogia interculturale nell’Ateneo scaligero. “E’ la parte di formazione a distanza del master. La formazione online, infatti, con la piattaforma per l’elearning, consente anche a chi lavora di aggiornarsi e di migliorare il proprio curriculum”.

I seminari in presenza del master in Intercultural Competence and Management – che non sono obbligatori ma sono comunque consigliati –  consentono poi di confrontarsi con professionisti che hanno una esperienza pluriennale nella docenza universitaria. “Abbiamo voluto insegnanti che avessero un approccio pratico alla mediazione interculturale e alla gestione dei conflitti”, sottolinea il professor Portera. “Ma che allo stesso tempo fondassero quella pratica in solide basi scientifiche, quali sono quelle della Pedagogia interculturale e della Comunicazione”.

Lo scopo del master universitario in Intercultural Competence and Management (mediazione interculturale e gestione dei conflitti) è duplice: da un lato, accrescere le competenze per chi opera in campo educativo, aziendale, sociale, sanitario, del giornalismo e della comunicazione; dall’altro, riqualificare a livello professionale chi vuole intraprendere una nuova professione in una società, come quella italiana, che è multiculturale da sempre.

“Le allieve e gli allievi hanno modo di specializzarsi, con i moduli specialistici del master, nella mediazione interculturale e nella gestione dei conflitti in ambito aziendale, in ambito educativo, in quello sociale e sanitario e nell’ambito dei media”, sottolinea il professor Portera. “Abbiamo poi una particolare attenzione per l’insegnamento dell’italiano come lingua seconda (italiano L2), con docenti di primissimo livello. Il diploma che diamo alla fine del corso di studi è il simbolo delle competenze acquisite”.

Le iscrizioni al master in Intercultural Competence and Management (mediazione interculturale e gestione dei conflitti) sono aperte fino al 15 novembre. Per avere tutte le informazioni su un corso che prepara alle sfide della società multiculturale, basta consultare il sito del Centro Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Verona. In alternativa, scrivere a: centro.interculturale@ateneo.univr.it. Oppure telefonare allo 045.8028164 (dal lunedì al giovedì, ore 10-12).

Competenze interculturali a scuola

competenze_gOggigiorno la tecnologia ha reso il mondo molto più piccolo e i massicci flussi migratori che – come in un sistema di vasi comunicanti – portano una moltitudine di persone a spostarsi per le ragioni più disparate, impongono la necessità di misurarsi con molteplici diversità, di cui forse quella linguistica-culturale è il segno più tangibile. Ciò significa che chiunque aspiri a divenire un cittadino preparato e competente dovrà essere fornito di conoscenze, capacità e disposizioni necessarie a fronteggiare i processi globali nei quali si è coinvolti. Tra le istituzioni sociali, la scuola, fucina e volàno di tali sfide, ha rappresentato il banco di prova della capacità di fare i conti con le differenze e la complessità. A tale evoluzione, corrisponde l’ esigenza di un profilo di insegnante del tutto nuovo, un professionista che non può più affidarsi unicamente alle tradizionali virtù lavorative come la diligenza, la bravura e la creatività, ma dovrà essere dotato di competenze compiutamente interculturali. Ma quali pratiche vengono considerate pieno esercizio di competenze interculturali da parte di chi “si sporca le mani” quotidianamente nell’attività didattica ordinaria? Quali ragioni e obiettivi li inducono a esercitarle e a promuoverle? Partendo da tali quesiti, il testo di Marta Milani descrive il processo euristico che ha portato a rilevare le concezioni spontanee di “competenza interculturale” di insegnanti operatrici o testimoni privilegiate di vari ordini e gradi di scuola del territorio di Verona e provincia esplicitandone le pratiche nel tentativo di migliorarle e renderle sempre più pratiche di eccellenza sul piano didattico generale, disciplinare e di cultura dell’insegnamento. Il libro si suddivide in due parti: la prima è dedicata alla ricostruzione delle premesse teoriche di riferimento entro le quali si innesta la ricerca, mentre la seconda entra nel vivo del progetto empirico illustrando i dati emersi nonché le categorie descrittive e interpretative utilizzate. Il lavoro si conclude con alcune proposte di carattere operativo-organizzativo e pedagogico-formativo volte a sviluppare le competenze interculturali degli insegnanti nella formazione iniziale e in servizio.

Milani, M. (2015), Competenze interculturali a scuola, Verona, QuiEdit

ISBN: 978-88-6464-313-7

Immigrazione e conflitti, il Master dell’Università di Verona

consegna-diplomi-gruppo-2013Nella stagione dell’insicurezza legata alla globalizzazione, nella stagione dell’immigrazione non solo economica ma provocata anche dai conflitti, il Centro Studi Interculturali dell’Università di Verona ripropone la nuova edizione del Master in “Intercultural Competence and Management – comunicazione, gestione dei conflitti e mediazione interculturale in ambito aziendale, educativo, sanitario, sociale, giuridico, dei mass media e per l’insegnamento dell’italiano L2”.

Diretto dal professor Agostino Portera, direttore del Centro Studi Interculturali, il Master – in modalità e-learning con formazione a distanza – prepara professionisti che sanno gestire i conflitti e fare mediazione interculturale negli ambiti più diversi. Il mondo aziendale ha bisogno di addetti che sappiano relazionarsi con persone di differente cultura: sia nelle relazioni internazionali che nella comunicazione interna con collaboratori stranieri immigrati.

La scuola vede crescere la presenza di studenti e studentesse di origine straniera, figli di immigrati e spesso nati in Italia. Così accade nel mondo della sanità (ospedali, ambulatori) e nei servizi sociali. Nel mondo giuridico saper dialogare con persone di differente cultura vuol dire comprendere la comunicazione e saper fare mediazione.

Quanto ai mass media e ai social media, essi hanno un ruolo fondamentale nelle operazioni di integrazione sociale e culturale e di “peace building”. L’insegnamento dell’italiano come seconda lingua (L2) è infine una competenza sempre più richiesta sia nel mondo della scuola e della formazione; sia nei progetti di integrazione e di collaborazione interculturale.

Il Master in “Intercultural Competence and Management – comunicazione, gestione dei conflitti e mediazione interculturale”, attivo dal 2003 nel Centro Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Verona, rinforza il curriculum degli allievi e delle allieve che lo frequentano. Dà quella specializzazione e quella formazione culturale e personale utili in una società complessa, caratterizzata dall’immigrazione, dalla globalizzazione e dalla internazionalizzazione delle relazioni economiche e culturali.

Univerò

banner_univeroDal 9 all’11 dicembre l’Università di Verona organizza UniVerò, una tre giorni di eventi per orientare i propri ragazzi sui possibili sbocchi professionali verso cui indirizzarsi al termine degli studi. Il programma di UniVerò prevede incontri di orientamento al lavoro, workshop e desk permanenti, per supportare i partecipanti nella ricerca del lavoro o per la creazione di una nuova impresa. Inoltre, il 10 è previsto il recruiting day con presentazioni aziendali in parallelo nelle diverse sedi e l’11 dicembre sarà possibile aggiornarsi sull’offerta formativa di master e corsi con l’open day del post lauream.

Venerdì 11 dicembre dalle 16.30 alle 17.30 Elena Guerra sarà a disposizione degli studenti al Polo Zanotto in aula T1, per rispondere a tutti i quesiti sul Master di primo livello con formazione a distanza (e-learning) del Centro Studi Interculturali di ateneo in Intercultural competence and management con specializzazioni in Comunicazione, gestione dei conflitti e mediazione interculturale in ambito aziendale, educativo, sanitario, sociale, giuridico, dei mass media e per l’insegnamento dell’italiano L2. La scadenza della nuova edizione del Master è fissata al 15 gennaio 2016. Ci si deve iscrivere alla presentazione al seguente link (scorrere fino a Formazione e filosofia).

Partecipando a UniVerò sarà anche possibile ottenere crediti formativi: basterà iscriversi dal sito e partecipare alle iniziative prescelte selezionate.

Globalizzazione e neoliberismo

79408_Laudanna 1009.qxdL’educazione al centro dei grandi temi migratori, economici e dei conflitti. Un tema ampio quanto mai attuale quello trattato nel Manuale di pedagogia interculturale di Agostino Portera (Laterza editore) e che sarà presentato durante l’incontro “Globalizzazione e neoliberismo: risposte interculturali” mercoledì 8 ottobre dalle 17.30 alle 19.30 all’Università di Verona, aula T5 del Polo Zanotto, via dell’Università. Partecipano Duccio Demetrio,  pedagogista e studioso dell’Università degli studi di Milano-Bicocca e Libera Università dell’autobiografia di Anghiari, e Michelangelo Bellinetti, giornalista professionista al quotidiano L’Arena, già consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti e docente a contratto all’Università di Verona, che discuteranno degli aspetti della globalizzazione e del neoliberismo con l’autore Agostino Portera, direttore del Centro Studi interculturali dell’ateneo scaligero, e Daniela Brunelli, presidente della Società Letteraria di Verona. Il seminario è  utile ai fini dell’aggiornamento degli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado. A richiesta, sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Educazione interculturale e alla legalità

Zygmunt Bauman5“Nella società liquida in cui viviamo non basta l’educazione, l’istruzione una volta per tutte, come accadeva un tempo. Occorre una formazione continua, un’educazione continua, perché la sola istruzione del tempo della scuola non è sufficiente”. Così Zygmunt Bauman, sociologo e filosofo, uno dei più grandi pensatori contemporanei, ha aperto ieri alla Gran Guardia di Verona, in piazza Bra, davanti a 400 partecipanti, il convegno interculturale “Educazione e counselling interculturale nel mondo globale”, organizzato dal Centro Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Verona, diretto da Agostino Portera, e dalla University of Toronto.
Sull’importanza dell’educazione alla legalità e all’impegno civico ha invece insistito Rita Borsellino, europarlamentare, sorella del giudice antimafia Paolo Borsellino, che ha raccontato la vita del fratello Paolo a partire dai banchi di scuola.

Sull’importanza dell’educazione e della comunicazione in una società multiculturale e complessa ha posto l’accento, nei saluti di apertura, il rettore dell’Università di Verona, Alessandro Mazzucco. Mentre l’assessore comunale ai Servizi sociali, Anna Leso, ha sottolineato l’impegno del Comune di Verona per l’integrazione dei cittadini stranieri e per la mediazione interculturale. Da parte sua, il professor Portera ha messo in evidenza l’importanza delle competenze interculturali e dell’educazione interculturale nella società contemporanea, caratterizzata dalla convivenza di persone di diversa origine e appartenenza religiosa e culturale.

Il sociologo Bauman, 87 anni, noto per i suoi libri sulla “modernità liquida”, ha osservato come nella società contemporanea vi sia un eccesso di informazioni, rispetto alle società passate. A fronte di quell’eccesso di informazioni, la nostra capacità di elaborazione e di memorizzazione resta però la stessa dei tempi antichi. “Viviamo in una società della fretta, dell’adesso”, ha fatto notare Bauman. “Questa mattina ero seduto in piazza Bra e ho osservato una coppia di fidanzati che anziché parlare erano concentrati, ciascuno per suo conto, su un proprio telefono cellulare. Passiamo ore e ore sui media elettronici, ci affidiamo al multitasking nel tentativo di allungare il tempo. Abituati a questo tipo di informazione frammentata, eccessiva, di fretta, gli studenti d’oggi (lamentano i loro professori) non riescono a leggere testi lunghi; perché li trovano noiosi. Ecco allora la sfida per l’educazione, per l’istruzione, per la formazione che richiedono invece i tempi della solitudine e della riflessione”.

Bauman  ha poi fatto notare come oggi “vi sia una crisi delle relazioni umane, che si riflette poi sull’educazione. Gli insegnanti sono costretti a competere con il calciatore o la rockstar di turno; o con figure di ‘consiglieri illuminati’. E’ venuta meno la figura dell’insegnante che un tempo era il punto di riferimento, il faro. L’insegnante lanciava il missile della conoscenza: quel missile seguiva una certa e definita traiettoria e arrivava al bersaglio. Oggi siamo nella società dei missili intelligenti, che cambiano traiettoria all’improvviso e ridefiniscono il loro percorso e il loro bersaglio”.

Cosa fare? “La soluzione, a fronte di una formazione scolastica, importante ma non basta più, e di un eccesso di informazione che resta spesso alla superficie”, è la risposta del sociologo Bauman, “è quella di un’educazione continua. Un’educazione per tutta la vita: una formazione continua che, sola, ci consente di non essere prigionieri e di essere liberi”.

Sull’educazione, a partire dalla scuola, ha insistito anche l’europarlamentare Rita Borsellino, sorella del giudice Paolo, ucciso dalla mafia il 19 luglio 1992 a Palermo. Rita Borsellino ha parlato di educazione alla legalità, del suo impegno per far conoscere il pensiero del fratello, dell’importanza di raccontare sia i valori che lo animavano nella lotta alla mafia, sia la struttura e il modo di operare della criminalità organizzata. Rita Borsellino ha raccontato gli anni della scuola del fratello Paolo, la vita nel “quartiere arabo” di Palermo (popolato dalla povera gente che viveva di lavoro e sacrifici), l’impegno nel pool antimafia con Giovanni Falcone. “Quella grande stagione di speranze e di lotta alla criminalità organizzata vive ora negli incontri nelle scuole e nella sensibilizzazione dei cittadini al problema delle mafie. Come amava ripetere mio fratello, ciascuno di noi è chiamato a fare la propria parte. E una parte importante l’ha l’educazione”, ha sottolineato Rita Borsellino, a cui il pubblico ha riservato un applauso in piedi, in onore anche della memoria di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone.

Il convegno prosegue fino a giovedì. Il programma dettagliato è pubblicato sul sito del Centro Studi Interculturali: www.csiunivr.eu.