Il vademecum da infrangere

di Elena Guerra

Nel giornalismo quando si parla di immigrazione ci sono dieci comandamenti. Non promesse da realizzare, ma trappole da evitare. Ne ha parlato a metà aprile Mauro Valeri, responsabile dell’Osservatorio su razzismo e antirazzismo nel calcio, durante il seminario di formazione “Sgomberiamoli!”, promosso dall’agenzia Redattore Sociale.
Ecco le dieci cose da evitare, e qualche consiglio:

  • L’uso del termine razza. Non bisogna tanto stare attenti alla parola, quanto ai significati che si porta dietro;
  • La deumanizzazione che avviene ogni volta che, per esempio, si paragonano gli uomini ad animali, come le “antilopi” nell’atletica leggera;
  • I pregiudizi positivi, come quello in base a cui i neri hanno il ritmo nel sangue;
  • I numeri che nell’immigrazione sono complicatissimi;
  • Il legare i fatti tra loro, perché non tutte le variabili sono significative, ma molte sono casuali;
  • L’abitudine di parlare di immigrazione in termini di solidarietà, più che di diritti;
  • Il capro espiatorio, generalmente debole e invisibile;
  • La discriminazione indiretta, cioè la condotta razzista che in molti casi non è riconosciuta come tale;
  • Evidenziare troppo le differenze. Meglio soffermarsi di più sulle similitudini;
  • Meglio ragionare in termini di meticciato, raccontando le molteplicità dell’identità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.